Home
Home
HomeVimercate nella StoriaStefano AssiEnrico Bollani

Giuseppe Origgi

Giuseppe Origgi  (19 giugno 1879 - 29 settembre 1952)

Dalle dimissioni del Sindaco Stefano Assi, accettate nell'aprile 1922, la carica di primo cittadino di Vimercate rimane vacante fino all'11 giugno successivo, data in cui viene proposto ed eletto il socialista Giuseppe Origgi, aderente alla corrente massimalista guidata dall'Onorevole Ezio Riboldi.

Il piano programmatico presentato dalla nuova giunta mirava ad innalzare il tenore di vita cittadino secondo le nuove esigenze urbane, e aveva tra i suoi punti chiave il potenziamento della rete idrica cittadina, misura necessaria sia per impiegare manovalanza altrimenti disoccupata, sia per porre fine alle ricorrenti epidemie di tifo.

Ma il destino della giunta presieduta da Origgi era segnato dallo sviluppo della situazione politica nazionale. Nell'ottobre 1922 (poco dopo la marcia su Roma) una squadra fascista irrompe nel cortile del palazzo comunale: il Sindaco, preso a manganellate ed obbligato a bere olio di ricino, costretto ad abbandonare la carica.
In seguito a questo fatto, 15 consiglieri (su 19 in carica) rassegnano le dimissioni, rendendo necessario l'intervento del prefetto che nomina commissario prefettizio il ragioniere Augusto Zuliani.
Le nuove elezioni amministrative tenutesi il 21 gennaio 1923 vedono l'elezione dell'industriale Enrico Bollani.

Riferimenti bibliografici:
- Comitato Unitario Antifascista di Vimercate, Vimercate nella storia contemporanea: 1918-1945, Vimercate, Comune di Vimercate, 1985.
- "Vimercate Oggi", 12 (1972), n. 15.


Storia Personaggi Sindaci Stefano AssiEnrico Bollani

Home | Vimercate oggi | Vimercate nella storia | Itinerari turistici
Vita popolare | Mostre on line | Archivi | Novità | Indice del sito
Il progetto | Come contribuire | Contatti | Copyright
 
Ultimo aggiornamento: 24/03/2004 ore:16:52